Lenti – Caratteristiche e Trattamenti

Lenti Polarizzate

La polarizzazione è un trattamento capace di bloccare i riflessi che provengono da superfici lucide, questi riflessi vengono totalmente eliminati anche in condizioni di luce più intensa.
Dalla luce diretta ci si può difendere in varie maniere, con ombrelloni, cappellini etc. La luce riflessa però è ovunque ed è particolarmente fastidiosa e affaticante perché ci colpisce direttamente dalla scena che dobbiamo osservare.
Le lenti polarizzate agiscono sulla luce riducendola ad un’unica direzione ed escludendo quella parte di raggi luminosi che disturbano la visione. Si ottiene così un aumento del contrasto ed una eliminazione dei riflessi; le immagini appaiono più nitide e di conseguenza la percezione visiva migliora.

Consigli ed Utilizzo

Guida

Sulla strada l’abbagliamento causa notevole fastidio al conducente e limita la visibilità aumentando i rischi di incidenti. Vari fattori possono esserne la causa: l’alba o il tramonto, il riflesso del sole sull’asfalto umido, il riverbero del sole sul parabrezza degli altri veicoli.

Sport acquatici e mare

In riva al mare o vicino a una distesa d’acqua, l’abbagliamento dovuto all’effetto specchio è spesso la causa di una visione difficile. L’utilizzo delle lenti polarizzanti offre inoltre il grande vantaggio di vedere sotto la superficie dell’acqua: per questo motivo le lenti sono particolarmente apprezzate dai pescatori.

Montagna e alta montagna

Sport quali la scalata e ascensione di un ghiacciaio sono talvolta soggetti ad una luce fortissima, che in condizioni di abbagliamento può causare forti disturbi e gravi pericoli. Le lenti polarizzate proteggono dai raggi UV e dal forte riverbero proveniente dalle superfici riflettenti come neve, ghiaccio, nuvole.

Trattamento Antiriflesso

I moderni trattamenti antiriflesso racchiudono diverse caratteristiche indispensabili per un occhiale di qualità, che garantiscono una visione migliore e un maggiore benessere ai nostri occhi. Normalmente si trovano sugli occhiali da vista, ma anche sulla superficie interna (rivolata verso l’occhio) di lenti solari di alta qualità.

Resistenza_ai_graffi

1 – RESISTENTE AI GRAFFI

La durata di una lente e il comfort di utilizzo delle stesse sono fortemente influenzati da questa caratteristica. I nuovi trattamenti antiriflesso garantiscono una resistenza ai graffi superiore anche su lenti in materiale infrangibile.

Antiriflesso

2 – ANTIRIFLESSO

Questo trattamento aumenta la trasparenza della lente riducendo la luce dispersa e riflessa a meno dell’1%. Ciò garantisce una visione più confortevole, senza sgradevoli riflessi sulle superfici delle lenti, ed uno sguardo più naturale, non mascherato da lenti poco trasparenti.

Idrorepellente

3 – IDROREPELLENTE

Uno strato idrorepellente potenziato ed un ampio angolo di contatto con l’acqua impediscono il depositarsi delle gocce d’acqua sulla superficie della lente. Questo si traduce in lenti meno sporchevoli e in una maggiore facilità di pulizia.


4 – CONTRO LO SPORCO

Uno strato anti-imbrattante e oleofobico. Durante l’uso di tutti i giorni gli occhiali vengono in contatto con diverse sostanze, questo trattamento limita l’adesività dell’unto e dello sporco, semplificando le operazioni di pulizia col minimo rischio di graffi.

Antistatico

5 – ANTISTATICO

Uno speciale  strato antistatico evita il depositarsi della polvere sulla superficie della lente mantenendo nel tempo un’eccellente trasparenza e pulizia. La polvere è tra le principali cause dell’usura delle lenti, agendo come abrasivo durante la normale pulizia. Questo trattamento ne previene l’adesione.

Trattamento Fotocromatico

Fotocromatica_Hoya_Sensity

Le lenti fotocromatiche sono lenti che, esposte a radiazioni UV o luce solare in genere, avviano una reazione chimica reversibile e si scuriscono. Una volta che l’irradiazione di luce o raggi uv scompare ritornano gradualmente allo stato iniziale di trasparenza. Queste lenti proteggono dai raggi UV e dal riverbero solare come gli occhiali da sole, sebbene non possano sostituirli in tutte le situazioni.
Le lenti fotocromatiche, quando non esposte a raggi UV, risultano essere molto chiare sebbene non come le lenti trasparenti classiche; la differenza tuttavia è minima e poco percettibile con le lenti delle nuove generazioni, che allo stato chiaro hanno una leggera dominante di colore residuo.
Le lenti fotocromatiche tecnicamente possono avere vari colori combinando le varie sostanze che le compongono, dallo storico marrone al grigio al verde ad altri colori; sebbene i colori più diffusi in commercio siano il marrone e il grigio e la maggior parte dei produttori non preveda altri colori alcune ditte continuano a produrre colori alternativi come il verde. Esistono inoltre alcune tipologie di lenti che abbinano le caratteristiche fotocromatiche  ad un filtro solare tradizionale, permettendo ad esempio di avere lenti da sole capaci di regolarsi su diverse intensità luminose (da poco scure a più scure), o lenti fotocromatiche e polarizzate.
Il pregio di questa tipologia di lenti è il fatto di avere un occhiale “tuttofare” che all’esterno è sempre colorato, ma mai troppo o troppo poco (l’oscuramento della lente è in proporzione all’intensità luminosa della luce e dei raggi UV) e poter quindi sostituire l’occhiale da sole; tuttavia queste lenti hanno anche dei limiti che non possono sempre farne un sostituto degli occhiali da sole.
Ad esempio le lenti fotocromatiche generalmente non si scuriscono o si scuriscono troppo poco in automobile, in quanto il parabrezza blocca parte dei raggi UV e non permette la giusta stimolazione della lente.

Specchiatura

La Specchiatura è un trattamento che si può applicare sulla superficie esterna di diverse tipologie di lenti, sia minerali che organiche, e fornisce un effetto “a specchio” agli occhiali. La specchiatura può avere diversi gradi di intensità, fino a nascondere completamente lo sguardo di chi indossa tali occhiali, addirittura si possono avere specchiature degradanti o presenti solo in alcune aree delle lenti. Spesso questo tipo di trattamento viene fatto solo per motivi estetici o di moda, ma in alcuni particolari prodotti viene utilizzato per fornire all’occhiale caratteristiche peculiari che ne migliorano la funzionalità. Un esempio sono gli occhiali “da ghiacciaio” che solitamente presentano specchiature accentuate nelle aree superiori e inferiori delle lenti, per aumentare la protezione dalla luce diretta del cielo e indiretta dal terreno/neve.

30 Commenti

  1. willyam 4 anni fa

    buon giorno, ho lenti fotocromatiche, ne ho sostituito solo una, e ora quando diventano scure sono diverse, ci sta qualche modo per renderle uguali? qualche rimedio fai da te?
    saluti william.

    • Nicora 4 anni fa

      Salve William, bisognerebbe innanzitutto verificare che le due lenti abbiano lo stesso tipo di trattamento, se così non fosse non ci sono soluzioni salvo la sostituzione anche dell’altra lente. Se le due lenti sono “uguali” allora si può provare a fare diversi cicli di schiarimento e scurimento (aiutandosi con una lampada UV o di Wood) in sequenza per “rodare” la nuova lente. Tuttavia è probabile rimarrà sempre una differenza legata al periodo di uso. Il consiglio è di cambiare sempre le lenti in coppia, sopratutto se si tratta di fotocromatiche.
      Saluti
      Claudio Nicora

  2. roberto 4 anni fa

    buon giorno , io essendo diabetico e facendo insulina , con le lenti da sole normali ho bruciore e lacrimazione , mi capita che devo chiudere gli occhi x diverse ore , ho fatto la visita x capire quale tipo di lente da sole sarebbe meglio x me , consiglio ottico grigio neutro , ok secondo l ottico ,mi servirebbero delle lenti zeiss , con tecnologia duravion platinum , leggendo le caratteristiche a parer mio sono ottime , ma il prezzo eccessivo , 125 euro a lente , vorrei un vostro consiglio ho 43 anni , uso occhiali da vista solo x leggere +1,25 ,grazie mille

    • Nicora 4 anni fa

      Buongiorno, se ho ben capito le richieste sono 2: una protezione per il sole e un consiglio per lenti da lettura, tenendo presente che lei è diabetico.
      Il Diabete purtroppo genera una certa “instabilità” della visione e quindi della correzione, questo vuol dire che l’occhiale avrà un funzionamento migliore o peggiore nell’arco della giornata in funzione della variazione della glicemia. Altro aspetto da valutare è lo stato di salute della retina, se fosse presente una retinopatia diabetica sarebbe meglio consultare un medico oculista specializzato per valutare filtri medicali o altri strumenti idonei.
      Relativamente alle lenti, le consiglio di scegliere lenti infrangibili e con trattamento antiriflesso. Le lenti Zeiss sono di ottima qualità, e il trattamento Duravision Platinum è molto robusto e duraturo. Esistono alternative di buona qualità a costi inferiori (la stessa Zeiss ad esempio ha a catalogo 3 tipi di antiriflesso). Scegliere trattamenti antiriflesso più economici può comportare una minore durata dell’occhiale nel tempo.
      Recentemente sono stati presentati nuovi trattamenti antiriflesso con maggiore protezione dalla luce blue, ottimizzati per l’uso sul computer e ottimi in termini di protezione della retina; provi a chiedere al suo ottico di fiducia se possono essere indicati per lei.
      Parlando di protezione solare non ho sufficienti elementi per darle un consiglio mirato, tuttavia se non siamo in presenza di alterazioni retiniche (caso in cui l’oculista potrebbe prescrivere filtri medicali specifici) direi che mi trovo daccordo con il consiglio di una lente grigio neutro. Anche in questo caso scelga occhiali di buona qualità. Valuti anche lenti polarizzate o fotocromatiche che forniscono una migliore qualità di visione. Esistono anche aziende che integrano entrambe queste tecnologie, come ad esempio Serengeti. Il consiglio comunque è sempre quello di provarli, meglio in giornate di pieno sole, e valutare la reazione dei propri occhi.

  3. gianluca 4 anni fa

    Buongiorno io ho comprato da poco delle lenti da vista zeiss photofusion (fotocromatiche), mi hanno assicurato che sono ottime, abbinati ad una montatura Tag Heuer TRENDS RIMLESS… volevo soltanto sapere se unendo montatura e lenti essendo dei marchi rinomati e conosciutissimi ho fatto una scelta buona… e soprattutto sapere se le lenti zeiss mi potranno durare negli anni senza perdere in qualità…

    grazie mille…

    • Nicora 4 anni fa

      Buongiorno Gianluca,
      per quanto concerne la montatura, non avendo mai trattato il marchio, e non avendo quindi una conoscenza diretta del prodotto, preferisco non darle un parere diretto. Tuttavia conosco Tag Heuer come orologi, che trattiamo nel negozio di gioielleria, e sono sicuro avranno realizzato un prodotto all’altezza del marchio. Le faccio inoltre presente che le normative europee sulla produzione e commercializzazione di montature e lenti da vista sono molto rigide a garanzia di una maggiore qualità e tranquillità per l’utilizzatore finale.
      Parlando delle lenti, Zeiss è indubbiamente una garanzia, tutti i loro prodotti sono di alta qualità, frutto di una continua ricerca dell’eccellenza e del confort visivo. Pur con queste premesse la durata nel tempo è fortemente influenzata dalle condizioni d’uso e dalla manutenzione dell’occhiale. Le suggerisco di prestare sempre attenzione a come pulisce e utilizza i suoi occhiali, e una volta all’anno li porti dal suo ottico di fiducia per verificarne l’assetto e magari per una pulizia più approfondita.

  4. Mauro 4 anni fa

    salve, ho un paio di occhiali raybay che con il tempo si sono graffiati sulle lenti. E’ possibile e convenienti la ri-specchiatura?

    • Nicora 4 anni fa

      Salve Mauro, Ray-Ban non prevede la possibilità di rifare la specchiatura, e in generale sarebbe una procedura antieconomica. La soluzione migliore è sostituire le lenti. Si rivolga al centro ottico dove ha acquistato il prodotto, o ad un rivenditore ufficiale Ray-Ban, per valutare la possibilità di avere una coppia di lenti Originali Ray-Ban o eventuali alternative. Cordiali saluti

  5. roberto 3 anni fa

    buonasera, volevo sapere se era possibile avere una lente fotocromatica con effetto a specchio.
    se si dove posso rivolgermi, sono di roma.
    grazie

    • Nicora 3 anni fa

      Buonasera, la risposta è si; esistono aziende che realizzano lenti fotocromatiche con abbinata la specchiatura. Per le lenti con correzione diottrica ad esempio Oakley sui suoi occhiali realizza lenti fotocromatiche con abbinate specchiature nera, oro o verde. Rodenstock realizza lenti fotocromatiche con specchiatura argento. Anche Shamir ha a catalogo alcune soluzioni di lenti specchiate e fotocromatiche.
      Tengo a precisare che la presente non vuole essere una lista esaustiva di tutte le aziende che offrono questo tipo di prodotto, ma solo un’indicazione di alcune con cui collaboro.
      Non sono in grado tuttavia di indicarle un ottico a Roma che tratti questi prodotti.
      Cordiali saluti

  6. Vito Dimattia 3 anni fa

    Salve, qualche mese fa ho fatto rifare gli occhiali da vista, ed ho notato che con questi occhiali vedo con effetto tridimensionale. Mi spiego meglio, una immagine con vari colori, tra cui il rosso, la vedo come se fosse un oggetto reale. Il rosso piu’ in profondita’ rispetto agli altri colori. L’ottico mi parla di frequenza diversa dei colori, ma come mai con i vecchi occhiali occhiali vedo “normale”?

    • Nicora 3 anni fa

      Salve, da quello che capisco della sua domanda sta sperimentando un fenomeno fisico noto come Aberrazione Cromatica, che caratterizza tutti i mezzi ottici (le lenti da vista, ma anche l’occhio…). Normalmente questo fenomeno ha manifestazione molto ridotta, rimanendo sotto la soglia di percezione dei nostri occhi e quindi virtualmente invisibile. Esistono tuttavia dei casi in cui assume maggiore consistenza arrivando a disturbare la visione. Tra questi, ad esempio, ci sono: lenti da vista su occhiali avvolgenti, astigmatismi marcati o ad assi obliqui, asimmetrie della cornea o del cristallino, disallineamento tra sistema di vergenza e sistema accomodativo… Nel suo caso, basandomi su quanto scrive, e sul fatto che con gli occhiali vecchi il problema non si presente, partirei valutando le differenze tra i due occhiali. In particolare inizierei verificando:

      1. l’angolo di avvolgimento e l’inclinazione pantoscopica dei nuovi occhiali rispetto a quelli vecchi
      2. la qualità delle lenti nuove rispetto a quelle vecchie, sia di materiale che di trattamenti
      3. la regolarità della forma della cornea
      4. la distanza occhio-lente

      Ovviamente si tratta di un’ipotesi, esistono altre possibili cause dell’effetto da lei descritto che necessitano di valutazioni più precise non adatte a questo mezzo comunicativo. Cordiali Saluti

  7. valter pizzatti 3 anni fa

    Salvr, ho un paio di occhiali Ray Ban originali fotocromatici Siccome l’oculista mi ha consigliato di portare sempre gli occhiali da sole avendo gli occhi chiari, non sempre l’oscuramento delle lenti avviene celermente. Leggo che la nuova generazione è molto avanzata in tal senso – specialmente lenti Zeiss Photo Fusion-.Esistono occhiali che montano queste lenti o bisogna farle montare? Il nuovo Ray Ban ha caratteristiche come le Zeiss? Grazie e Saluti Valter

    • Nicora 3 anni fa

      Salve, le lenti Zeiss Photofusion sono indubbiamente molto valide, ma non sono già equipaggiate sui Ray-Ban (ne su altri occhiali di cui sono a conoscenza) andrebbero fatte montare. Tenga presente però che le Zeiss Photofusion, così come Transitions o altri prodotti che nascono come “lenti da Vista” allo stato non attivo sono molto chiare, perciò sebbene molto rapide in alcune circostanze potrebbero non fornire una protezione sufficiente (ad esempio alla guida, dato che in macchina la risposta fotocromatica è ridotta). Per situazioni simili alla sua abbiamo avuto buoni risultati con occhiali “Serengeti“, che montano lenti fotocromatiche molto valide, ma anche con occhiali “Oakley“. Alcuni colleghi consigliano occhiali “Maui Jim”. Se il colore delle lenti è ben calibrato spesso la visione risulta confortevole in diverse condizioni luminose anche senza tecnologia fotocromatica.
      Saluti
      Nicora Claudio

  8. angela 2 anni fa

    salve potete dirmi se le lenti fotocromatiche hanno la pellicola o e un trattamento grazie.

    • Nicora 2 anni fa

      Salve, in fase di realizzazione ad una lente può essere applicato il trattamento fotocromatico, sopra al quale può essere abbinato anche il trattamento antiriflesso (consigliato). Non si tratta di pellicole applicabili successivamente. A seconda dell’azienda esistono differenti tecniche per realizzare questo trattamento, ciascuna con i propri pregi e difetti.
      La Transitions Optical in occasione dei “giorni della tecnologia fotocromatica” aveva realizzato delle speciali pellicole dimostrative che potevano essere applicate a occhiali da vista per sperimentare i vantaggi di questa tecnologia, ma si tratta di pellicole promozionali e di breve durata.

  9. eugenio 2 anni fa

    Salve,premetto che sono un profano in matera, vorrei sapere se esistono diversi gradi di polarizzazione delle lenti e se il colore della lente influenza sul tipo di luce che riesce a filtrare. Comunque sia, mi piacerebbe avere un consilgio su un paio di occhiali con lenti polarizzate per tutti i giorni. Cerco un occhiale abbastanza discreto ma la cosa che mi interessa di più è che la qualità della lente sia molto buona. Mi hanno consigliato gli Oakley e sinceramente mi piacciono molto. Grazie mille in anticipo e buona giornata.
    P.S. avevo pensato a qualcosa del genere:
    http://it.oakley.com/it/mens/sunglasses/lifestyle-sunglasses/polarized-frogskins/product/W0OO9013P/?skuCode=24-297

    • Nicora 2 anni fa

      Salve, nei filtri polarizzanti per occhiali il coefficiente di polarizzazione è un indicatore della qualità delle lenti. La lente polarizzante ideale dovrebbe filtrare il 100% della luce riflessa, filtri di buona qualità arrivano anche al 99%. La tonalità della lente determina l’intensità con cui vengono scuriti i vari colori, per questo motivo a seconda dell’ambito di utilizzo degli occhiali andrebbero scelte tonalità diverse di lenti. Ad esempio un occhiale per giocare a golf è diverso da uno per andare in barca ecc…
      Oakley sul suo sito web ha un’area dedicata ad illustrare le caratteristiche dei vari colori e delle tecnologie delle lenti.
      Parlando di occhiali di qualità sicuramente Oakley è ad altissimo livello, cercando il massimo della loro tecnologia bisogna andare sui modelli “sport specific”, che hanno anche trattamenti idro e oleofocibi, ma anche modelli “lifestyle” come il Frogskins sono sicuramente un ottimo acquisto.
      Altri prodotti con ottime lenti polarizzanti possono essere “Maui-Jim” o “Serengeti-Eyewear”.

  10. eugenio 2 anni fa

    Grazie mille, è stato gentilissimo nonché chiarissimo!

  11. raffaele cuomo 2 anni fa

    VOLENDO ACQUISTARE TRAMITE ONE-LINE OCCHIALI DA VISTA NEL TRASMETTERE I DATI MI SI CHIEDE DI SCEGLIERE LE LENTI (TRA 1,67-ALTO; 1,66-HIGH; 1,56 MILD-INDEX; 1,56-MILD-SINGLE) E DI SELE- ZIONARE IL PD (TRA 55 E 75). QUESTI DATI NON SONO RIPORTATI SULLA RICETTA DELL’OCULISTA. POTETE DIRMI COME REGOLARMI E COSA INDICANO? GRAZIE

    • Nicora 2 anni fa

      Vorrei iniziare con una precisazione.
      In Italia, ai sensi del DM 23 luglio 1998,

      la vendita diretta al pubblico di occhiali e lenti su misura, protettive e correttive di difetti visivi è riservata all’esercente la figura sanitaria di ottico optometrista e che tale vendita deve essere effettuata direttamente o sotto il suo diretto controllo

      .
      Sebbene sembri semplice ci sono tanti aspetti legati alla centratura delle lenti, alla scelta del materiale corretto in funzione della montatura e del difetto di vista, oltre ad aspetti legati alla regolazione della calzata dell’occhiale che sarebbe opportuno venissero gestite da un professionista. Questo per tutelare la salute degli occhi e non vanificare una buona prescrizione fatta dal medico-oculista.
      Riguardo alla sua domanda: i valori delle lenti dovrebbero essere riferiti all’indice di rifrazione dei materiali, che è inversamente correlato (a parità di diottrie e di altre caratteristiche) allo spessore della lente, ovvero maggiore è l’indice di rifrazione e più sottile sarà la lente. Attenzione però che in molti casi indici di rifrazione più alti hanno una minore qualità ottica.
      Il secondo valore, “PD”, è la distanza tra i centri delle pupille degli occhi; le lenti per funzionare al meglio devono essere montate con il centro ottico in una posizione precisa rispetto al centro ottico degli occhi. Questo valore dipende dalla posizione degli occhi rispetto alla montatura, dall’angolo di avvolgimento e dall’angolo pantoscopico dell’occhiale oltre che dalle caratteristiche della lente. Per un corretto montaggio delle lenti manca inoltre l’indicazione dell’altezza di montaggio.
      Attenzione inoltre che la prescrizione medica può essere scritta usando alternativamente uno dei due sistemi esistenti.
      fonti:
      http://www.studiolegalestefanelli.it/it/articoli-legali/nota-ministero-salute-27-novembre-2008-il-ministero-ribadisce-il-divieto-di-vendita-degli-occhiali-da-vista-on-line
      http://www.assogruppiottica.it/nuovo3/index.php?p=rassegnastampa&rs=124

  12. gaetano 2 anni fa

    Salve,
    ho acquistato due lenti progressive fotocromatiche senza ulteriori trattamenti (indurenti, antiriflesso, ecc). Riscontro che in alcuni momenti di esposizione che i raggi solari non sono frontali la lente si oscurisce in modo non uniforme ma a fasci più chiari. E’ un difetto di trattamento oppure qualità scadente?

    • Nicora 2 anni fa

      Buongiorno sig. Gaetano, trovo anomalo il comportamento della sue lenti fotocromatiche e difficilmente spiegabile. L’unica circostanza, che mi viene in mente, in cui è normale un differente grado di scurimento tra aree diverse della lente è quando alcune sono esposte a luce diretta mentre altre sono in ombra. Le varie tecnologie fotocromatiche scuriscono in funzione dell’intensità di luce UV che ricevono; questo vuol dire che se alcune zone si scuriscono meno, escludendo il difetto di fabbricazione, significa che “sentono” meno luce di altre. Spesso il motivo è semplicemente un po’ di “sporco” sulla superficie della lente, magari qualche residuo di crema solare o altro che rende la lente meno sensibile alla luce. Le consiglio innanzitutto di provare a pulire a fondo le lenti con un detergente specifico, se il problema dovesse persistere si rivolga al suo ottico che provvederà a fare le opportune verifiche.
      Ultimo appunto, i moderni trattamenti fotocromatici funzionano meglio in abbinamento a trattamenti antiriflesso, perciò, salvo situazioni particolari, è sempre meglio acquistare entrambi i trattamenti.

  13. Gerardo 2 anni fa

    Buonasera,
    Per motivi estetici sono alla ricerca di lenti da vista con effetto a specchio da poter utilizzare anche durante le ore notturne.
    può aiutarmi
    grazie

    • Nicora 2 anni fa

      Buongiorno, diverse aziende oggi offrono la possibilità di abbinare alle lenti un effetto specchiato, la resa della specchiatura però dipende dall’intensità del colore della lente, ciò vuol dire che su una lente non colorata la specchiatura sarà quasi invisibile, mente su una lente molto scura la specchiatura sarà molto evidente. Qui trova alcuni colori di specchiature. Ovviamente una colorazione intensa non è idonea all’uso di sera. Una possibilità è quella di avere una specchiatura degradante, più scura sopra e più chiara sotto.
      Da un punto di vista legale le lenti specchiate difficilmente rispondono ai requisiti minimi per la guida notturna (trasmissione della luce >75%) dato che la sola specchiatura riflette circa il 20% della luce, a cui va sommata la percentuale assorbita dalla lente.
      Altra possibilità è scegliere lenti con antiriflessi progettati per proteggere dalla luce blue, come ad esempio “Blue Control”, “Crizal Prevencia” o altri similari. Questi trattamenti antiriflesso riducono la quantità di luce blue che arriva all’occhio riflettendola, di fatto creando un leggero effetto specchiato blue, ma con tutte le caratteristiche visive adatte all’uso in ogni condizione. Questo antiriflesso può anche essere abbinato al trattamento fotocromatico per una maggiore protezione di giorno.
      Cordiali saluti

  14. fabio 12 mesi fa

    buongior
    no , ho degli occhali da vista fotocromatiche , da un po di mesi le lenti e come avesero perso la carateristica di oscurarsi ..e possibile cio? e poi devo per forza cambiare le lenti o e possibile rimettere il fotocromatico sulle stesse lenti?? grazie fabio

    • Nicora 12 mesi fa

      Buongiorno, per quella che è la mia esperienza non vedo problematiche di questo tipo da diversi anni, almeno per i trattamenti fotocromatici di ultima generazione (Transitions VII, Photofusion, Sensity, Colormatic IQ…).
      Leggendo la sua descrizione penso potrebbe trattarsi di un difetto di fabbricazione della lente o un problema subentrato per contatti con particolari sostanze. Il primo consiglio è di provare a pulire bene le lenti, a volte la perdita di efficienza fotocromatica dipende da depositi sulle lenti che impediscono alle stesse di “sentire” correttamente la luce; caso frequente sono residui di crema solare che finiscono sulle lenti. Se il problema persiste la invito a tornare presso il centro ottico dove ha acquistato le lenti per farle verificare.
      Le ricordo comunque che per valutare correttamente la capacità delle lenti di scurirsi bisogna esporle a luce solare diretta, i trattamenti fotocromatici non reagiscono alla luce artificiale o a luce solare filtrata da finestre o parabrezza.

  15. Filippo Malizia 5 giorni fa

    Salve, ho da circa un mesetto un nuovo paio di occhiali con lenti progressive antiriflesso.
    Ho notato che queste nuove lenti si sporcano con molta più facilità rispetto a quelle che avevo prima, trattengono le impronte delle dita, anche dei semplici contatti accidentali, con una facilità estreme e devo pulirle più volte al giorno.
    Sono lenti di scarsa qualità? Si può intervenire in qualche modo?
    Grazie

    • Nicora 5 giorni fa

      Buongiorno, non posso esprimermi sul prodotto specifico, posso però confermarle che esistono sul mercato diversi trattamenti antiriflesso e non tutti comprendono un trattamento idro-oleofobico per rendere le lenti meno sporchevoli. Alcuni trattamenti antiriflesso privilegiano caratteristiche di robustezza o protezione a discapito magari della facilità di pulizia. Purtroppo non è possibile alterare le caratteristiche del trattamento dopo la costruzione della lente, tuttavia ci sono alcune considerazioni; alcune lenti presentano un trattamento temporaneo molto sporchevole per agevolarne la lavorazione da parte dell’ottico, con il passare del tempo le lenti migliorano spontaneamente le loro caratteristiche. L’applicazione di un prodotto di qualità per la pulizia delle lenti può migliorare temporaneamente la facilità di pulizia.

Pingbacks

  1. […] Informazioni su lenti e trattamenti […]

Lascia un Commento